spacer.png, 0 kB

I CD Musicarte Label li trovi a Cremona da La CartoMusica ed a Milano da Bottega Discantica, anche online 

 cd1  cd2

Oppure li puoi scaricare in formato mp3 dai siti  iTunes   Amazon  Napster Rhapsody...

La distribuzione online in tutto il mondo dei nostri CD è curata da deliveryourmusic

recensione del cd Quartiron sul trimestrale "seicorde"

 

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Edith Stein, sul senso della vita

 

EDITH STEIN (Breslavia 1891-Auschwitz 1942)

Scritti sul senso della vita

 edith_stein_senso_della_vita

Elsa Bossi, voce recitante e canto
Valerio Bongiorno, voce recitante e canto
Maurizio Piantelli, chitarra
Walter Pandini, clarinetto e sax
Laura Pietrantoni, videoproiezioni

 

Figura veramente eccezionale: monaca, intellettuale, mistica, filosofa. Dapprima ebrea, quindi atea, convertita poi al cattolicesimo e divenuta carmelitana scalza, infine martire ad Auschwitz.
Edith Stein nasce a Breslavia, capitale della Slesia prussiana, il 12 ottobre 1891, da una famiglia ebrea di ceppo tedesco.
Allevata nei valori della religione israelitica, a 14 anni abbandona la fede dei padri divenendo atea.
Studia filosofia a Gottinga, diventando discepola e poi assistente di Edmund Husserl, il fondatore della scuola fenomenologica. Ha fama di brillante filosofa.
Nel 1921 si converte al cattolicesimo, ricevendo il Battesimo nel 1922. Insegna per otto anni a Speyer (dal 1923 al 1931). Nel 1932 viene chiamata a insegnare all’Istituto pedagogico di Münster, in Westfalia, ma la sua attività viene sospesa dopo circa un anno a causa delle leggi razziali.
Nel 1933, assecondando un desiderio lungamente accarezzato, entra come postulante al Carmelo di Colonia. Assume il nome di suor Teresa Benedetta della Croce.
Il 2 agosto 1942 viene prelevata dalla Gestapo e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau dove il 9 agosto muore nella camera a gas.
Nel 1987 viene proclamata Beata, è canonizzata l’11 ottobre 1998. Nel 1999 viene dichiarata, con S. Brigida di Svezia e S. Caterina da Siena, Compatrona dell’Europa.
“Una personalità – come disse di lei Papa Giovanni Paolo II - che porta nella sua intensa vita una sintesi drammatica del nostro secolo”.

memoriale e carmelo di echt

Lo spettacolo prodotto da Musicarte Spettacoli di Lodi è un percorso di conoscenza di questa donna straordinaria attraverso la sua biografia (le sue lettere e i suoi diari) e soprattutto i suoi scritti fra cui i famosi "Il problema dell'empatia" e soprattutto il suo capolavoro incompiuto "Essere finito e essere eterno. Per una elevazione al senso dell'essere".
Le letture, affidate alle voci di due attori di grande levatura quali Elsa Bossi e Valerio Bongiorno, saranno accompagnate da alcuni canti ispirati alla prigionia dei lager nazisti (Il Cantico dei cantici di Jacobus Kambanellis, drammaturgo e regista greco deportato a Mauthausen; Riveleke del sabato, canto del ghetto di Bialystok (Polonia), nato dopo l'irruzione delle SS che nel 1942 trasferirono centinaia di giovani nel lager) e  una particolare canzone dal titolo Il Carmelo di Echt composta da Juri Camisasca (e poi interpretata anche da Battiato e Giuni Russo) dedicata proprio a Edith Stein.

maurizio,valerio,elsa,walter

scarica visualizza e scarica la scheda dello spettacolo

Image

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB